Blog

Mercoledì, 10 Giugno 2020 11:01

L’ascensore si è guastato: i rinnegatori delle politiche keynesiane

Scritto da
Vota questo articolo
(5 Voti)

L’ASCENSORE SI È GUASTATO: I rinnegatori delle politiche keynesiane

L’ascensore si è guastato: e si è fermato ai piani alti. Coloro che nel dopoguerra delle politiche keynesiane, si sono avvalsi di scuole gratuite in ogni ordine e grado, oggi si sono trasformati nei cani da guardia delle élite economico-finanziarie.

Alcuni di loro, assurti a ruoli di primo piano anche per capacità, si sono dimenticati che, senza lo sforzo collettivo di mantenerli agli studi, non avrebbero mai avuto quei posti che pensano di essersi meritati solo con i loro sforzi.

Il radicale rifiuto delle proprie origini politiche

Si atteggiano a uomini di sinistra e parlano di meritocrazia, non solo nascondendo sotto la polvere un radicale rifiuto delle proprie origini che sa di tradimento, ma lavorando affinché i giovani non possano intaccare il loro vantaggio e quelli dei loro figli. Di che meritocrazia si può parlare quando loro stessi hanno chiuso gli occhi, se non addirittura perpetrato, la distruzione della scuola, obbligando, per chi appena se lo può permettere, a investire migliaia di euro ogni anno nella formazione dei figli? Sono passati con facilità dall’altra parte della barricata: diventati professori universitari, hanno dimenticato in fretta l’etica dei loro insegnanti, sì severi ma anche impegnati nel formare le menti alla equità e alla giustizia; e le loro menti formate, ma evidentemente non il loro cuore, si sono messe al servizio di padroni ben paganti. Diventati politici con la promessa di servire il popolo e la nazione, hanno alienato lo spirito dei padri fondatori a chiunque in grado di garantirgli un futuro economicamente brillante.

La classe politica che ha privatizzato i sogni delle future generazioni

Con la scusa della corruttela hanno privatizzato tutti i sacrifici delle passate generazione e i sogni delle future. Con la scusa della corruzione, hanno creato una burocrazia dei controlli, nella quale ogni onesto rimane imbrigliato mentre il disonesto può muoversi a proprio vantaggio. E tutto questo impedisce, anche ai capaci, di progredire. Ci vogliono convincere che se oggi stiamo scivolando verso il baratro, la colpa è del popolo che ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità; e quali sarebbero, secondo lor signori che di queste possibilità si sono avvantaggiati per uscire dal rango di popolo, per trasfigurarsi in guardie degli interessi delle élite finanziarie globalizzate, i diritti del popolo? Grufolare e basta? Il popolo non ha diritto alla formazione di un pensiero libero, a un’esistenza degna? Non ha diritto a una elevazione dello spirito? Deve solo competere come le belve per strapparsi l’un l’altro un tozzo di dignità per sé e i propri figli?

Loro hanno i soldi, noi il numero e la forza della verità

Siamo tornati al circo, con le belve, i vari top manager e politici senza coscienza, che sbranano i cristiani, il popolo. E mentre sbranano, temono che il popolo si svegli e allora gli impediscono anche di manifestare la protesta. Ogni evento viene strumentalizzato o creato per convincere la gente che ci vuole più sicurezza e che questa non passa dalle relazioni sane tra le persone, ma da un controllo asfissiante che porterà i più deboli alla rassegnazione e i più forti alla rivolta. Faranno di tutto per vincere: loro hanno i soldi, noi abbiamo il numero e la forza della verità.

 

Letto 214 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Giugno 2020 17:52

1 commento

  • Link al commento Federico Sabato, 13 Giugno 2020 13:08 inviato da Federico

    Purtroppo il modello del profitto e neo-liberista sta prendendo sempre più piede e invece di prendere come riferimento il modello socialista con politiche keynesiane, stiamo importando e inseguendo sempre di più il modello economico statunitense, dove il privato impera e dove il massacro sociale e le disuguaglianze sono all'ordine del giorno, a cui la nostra classe politica inadeguata, è sempre più subalterna al liberismo calpestando e passando sopra al modello costituzionale che i nostri padri ci avevano lasciato con rivendicazioni lotte sociali e un mare di conquiste adesso rischiamo di compromettere tutto.
    Italiani svegliamoci e tiriamo fuori il coraggio della non rassegnazione prima che sia troppo tardi!!

Devi effettuare il login per inviare commenti

VOX ITALIA

Sede legale - Viale Lombardia 233

Cap. 20861 - Brugherio (MB)

C.F. 94641510154

 

© VOXITALIA. All Rights Reserved. Designed By Galasystem

Search